9TA02 - PIANTA MICORRIZATA CON TARTUFO SCORZONE ESTIVO ( Tuber aestivum)

Disponibile Disponibile
Nuovo

Pianta tartufigena micorizzata

È sicuramente il tartufo più diffuso e coltivato in Italia per la sua adattabilità a varie condizioni climatiche e di terreno (sopporta anche terreni umidi). Predilige terreni calcarei con abbondante scheletro ma, si trova anche in terreni argillosi situati tra i 0-900 m.s.l.m. Si trova in piante isolate e in boschi non troppo fitti. Preferisce posizioni soleggiate.

Epoca di raccolta: giugno-agosto

Altezza della pianta alla fornitura : 

- Leccio 15/25 cm circa - Roverella 30/50 cm circa - Nocciolo 30/50 cm circa - Carpino nero 40/60 cm circa

Tutte le piante micorrizate sono certificate dal Dipartimento di Biologia applicata dell'Università degli Studi di Perugia.

 

Elementi prodotti raggruppati
Confezione  Prezzo Qtà
9TA02 - 1 pianta in vaso di Leccio (Quercus ilex)
24,00 €
- +
9TA04 - 1 pianta in vaso di Nocciolo ( Corylus avellana )
24,00 €
- +
9TA03 - 1 pianta in vaso di Roverella ( Qurcus pubescens )
24,00 €
- +
9TA05 - 1 pianta in vaso di Carpino nero ( Ostrya carpinifolia )
24,00 €
- +

I tartufi sono dei funghi sotterranei che in natura si sviluppano spontaneamente in particolari ambienti, in associazione (simbiosi) con determinate piante.

Dopo anni di ricerca e sperimentazione sul campo e pertanto con risultati certi, vi proponiamo una selezione di piante micorrizate (le radici contengono il micelio del tartufo).Solamente i lotti delle piante che hanno superato i rigidi standard di sviluppo e di micorrizazione delle radici potranno fregiarsi della certificazione rilasciata dalla Università di Perugia ed essere così destinati al mercato.

Il periodo migliore per la piantumazione delle piantine forestali è l'autunno/inverno, se la temperatura non è troppo bassa o, in primavera bagnando periodicamente le piante. Nella coltivazione del tartufo non devono mai essere utilizzati concimi e diserbanti. I primi risultati mediamente si vedranno dopo almeno 4 anni dall'impianto.

Le piante tartufigene sono certificate secondo il D.lgs 386/2003 e pertanto possono essere utilizzate per rimboschimenti e forestazione.