Questo sito usa cookie anche di terze parti per offrire una migliore esperienza di navigazione e per avere statistiche sull'uso dei nostri servizi da parte dell'utenza. Chi sceglie di proseguire nella navigazione su www.ingegnoli.it esprime il consenso all'uso dei cookie chiudendo questo banner o cliccando al di fuori di esso. Per saperne di più o per modificare le tue preferenze sui cookie consulta la nostra Cookie Policy. - Leggi di più - Accetta
icona mobile
Toggle Nav
Carrello
Chiudi
  • Menu

Coltivare l'aglio

L'aglio è un antico ortaggio bulboso membro della famiglia degli allium; è facile da coltivare e richiede pochissimo spazio in giardino. L'aglio cresce da singoli spicchi staccati da un bulbo intero. Ogni spicchio si moltiplicherà nel terreno, formando un nuovo bulbo composto da 5-10 spicchi. 

 

Dove piantare?

L'aglio dovrebbe essere piantato in un punto non utilizzato di recente per l'aglio o altre piante della famiglia delle cipolle. Non piantare l'aglio in aree in cui l'acqua può accumularsi intorno alle radici, causandone il marciume o la malattia.

 

Preparazione del terreno

L'aglio dovrebbe essere piantato in un terreno fertile e ben drenato.

 

Come piantare?

Piantare l'aglio è relativamente semplice. Distanze degli spicchi: tra le file 35-40 cm, 10-15 cm sulla fila Gli spicchi devono essere piantati con l'estremità appuntita verso l'alto; innaffiare solo se il terreno se è molto asciutto. Si consiglia di seminare 25 spicchi al mq, ciò significa che, a seconda della grandezza dei bulbi, occorrono circa 15kg di bulbi ogni 100mq.

Quando piantare ?

  • Semina autunnale

Pianta gli spicchi a metà autunno in una posizione soleggiata con terreno ricco e ben drenato. L'aglio può iniziare a crescere verso la fine dell'autunno o all'inizio della primavera.

 

  • Semina primaverile

Pianta gli spicchi all'inizio della primavera quando il terreno può essere lavorato, all'incirca nello stesso periodo delle cipolle.

 

Pacciamatura

Dopo la semina, stendi della paccimatura protettiva di paglia, foglie tritate o erba tagliata. Nelle regioni fredde la pacciamatura dovrebbe avere uno spessore di circa 4 pollici. Il pacciame aiuterà a evitare che le radici dell'aglio vengano sollevate dal terreno alternando il congelamento e lo scongelamento. Una leggera applicazione di pacciamatura è utile anche nei climi più miti per controllare la crescita delle erbe infestanti invernali.

 

Cura di primavera

Quando le foglie iniziano a crescere, è importante nutrire le piante di aglio con un fertilizzante ad alto contenuto di azoto a lenta cessione per incoraggiare una buona crescita. In tarda primavera alcune varietà di aglio producono gambi di fiori che hanno piccoli bulbilli. Taglia questi gambi. Ciò assicurerà che tutta l’energia dalla pianta si concentrerà nel bulbo di aglio stesso e non nei grappoli di bulbilli. Nel mese di giugno le piante di aglio smettono di produrre nuove foglie e iniziano a formare i bulbi. A questo punto rimuovere il pacciame rimanente e smettere di annaffiare. L'aglio si conserverà meglio se lasci asciugare il terreno intorno ai bulbi.

Quando raccogliere l'aglio e metodi di conservazione adeguati:

L’aglio si raccoglie quando la maggior parte delle foglie sarà diventata marrone. Questo di solito si verifica da metà luglio all'inizio di agosto, a seconda del clima. A questo punto puoi scavare attorno ai bulbi, facendo attenzione a non ammaccarli. Se i bulbi vengono lasciati nel terreno troppo a lungo, potrebbero separarsi e non si conserveranno bene. Metti le piante d'aglio ad asciugare per 2 o 3 settimane in una zona ombreggiata con una buona circolazione d'aria. Non bagnare i bulbi o romperli, altrimenti le piante non dureranno a lungo.

 

Lega l'aglio a mazzetti, intreccia le foglie o taglia il gambo a pochi centimetri sopra il bulbo. Appendi le trecce e i mazzi o conserva i bulbi sciolti su scaffali a stecche in un luogo fresco e asciutto.

Puoi iscriverti QUI per ricevere gratuitamente il catalogo 2022 (spedizioni bimestrali da novembre a marzo)

 

Chiudi